Cookies Alert



Questo Blog Contiene Cookies anche di terze parti su cui non si ha possibilità di operare. Te lo diciamo solo per romperti i coglioni, tanto l'alternativa sarebbe disdire internet e tornare al 1993.

Sound Of Kostia

Loading...

domenica 29 novembre 2015

LA RABBIA DI ORC IL ROSSO

29 Novembre 1979

Jim Grimson non aveva mai avuto intenzione di mangiare i testicoli di suo padre.
E non si era neppure aspettato di fare l'amore con venti delle sue sorelle.
Non aveva previsto che, a bordo di uno Steed bianco, avrebbe salvato la propria madre dalla prigionia e da un assassino.
E come poteva sapere nell'ottobre del 1979 - aveva solamente diciassette anni - che era stato proprio lui a dare origine al nostro universo, la cui creazione, a quanto pareva, risaliva a dieci miliardi di anni prima?

da LA RABBIA DI ORC IL ROSSO di Philip José Farmer


REVIVAL

1. IL QUINTO ELEMENTO. LA MONTAGNA DEL TESCHIO. IL LAGO DELLA PACE.

In un certo senso la nostra vita è veramente un film. I protagonisti sono i famigliari e gli amici. Tra i comprimari rientrano i vicini, colleghi, insegnanti e le conoscenze occasionali. Non mancano i ruoli minori: la giovane cassiera del supermercato con il sorriso carino, il barista affabile del locale all'angolo, i tipi con cui vi allenate in palestra tre giorni alla settimana. E ci sono migliaia di comparse, persone che attraversano la vita di ognuno come fa l'acqua in un colino, viste una volta e poi mai più. Una recensione

da REVIVAL di Stephen King


mercoledì 25 novembre 2015

IL RIFUGIO

Fuori era una serata estiva. Le grosse foglie delle querce e degli aceri catturavano la luce proveniente dalle vecchie case eleganti che costeggiavano la strada. Una leggera brezza trasportava  con sé i suoni dei telefilm delle otto, i bambini che chiedevano da bere, il suono scordato di un pianoforte.
In casa il dottor Stockton il pasto era terminato e sua moglie, Grace, stava portando in tavola la torta di compleanno. L'Assedio Delle Tenebre

da AI CONFINI DELLA REALTA' di Rod Serling


martedì 24 novembre 2015

LA DOMENICA ANDANDO ALLA MESSA...

Nelle ultime settimane i giornali non ci hanno risparmiato riti d'incappucciati, e amplessi blasfemi, e satanisti di vario genere. La prossima volta che sentiremo cantare da un coro folkloristico "La domenica andando alla messa-circondata dai miei amatori...", penseremo che si tratti naturalmente di una messa nera. Come Scrivere Bene

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


venerdì 20 novembre 2015

LA SQUAW

Norimberga a quel tempo non era meta di tanti turisti come invece sarebbe avvenuto in seguito: Irving ancora non vi aveva recitato il suo Faust e alla maggior parte della gente il nome della vecchia città non diceva nulla. Mia moglie e io eravamo alla seconda settimana di luna di miele, e come è naturale cominciavamo a desiderare la compagnia di qualcun altro;

da L'OSPITE DI DRACULA di Bram Stoker


SMAGLIATURE DEL TEMPO

Il tempo, si sa, è irreversibile. Eppure, come la fatale discesa dei fiumi consente qua e là dei rigurgiti, dei gorghi, delle controonde che potrebbero quasi far supporre eccezioni alla legge della gravità, così, nella smisurata trama del tempo, di quando in quando si determinano piccole crepe, intoppi, smagliature, che per brevi istanti ci lasciano sospesi in una dimensione arcana, agli estremi confini dell'esistenza. Mostri, Miracoli e Misteri di Buzzati

da LE NOTTI DIFFICILI di Dino Buzzati


giovedì 19 novembre 2015

LA SETTIMA VITTIMA

Stanton Frelaine faceva del suo meglio per sembrare indaffarato come dovrebbe esserlo un dirigente alle nove e mezzo del mattino. Impossibile. Non riusciva a concentrarsi sull'annuncio pubblicitario scritto la sera prima, non riusciva a pensare al lavoro. Non poteva fare altro che aspettare l'arrivo della posta. Da due settimane, ormai, aspettava la notifica. Gli uffici statali funzionavano a rilento come al solito. Riassunto

da MAI TOCCATO DA MANI UMANE di Robert Sheckley




mercoledì 18 novembre 2015

L'AVVENTURA DEL TIBERIO D'ORO

L'amicizia tra il signor Dyson e il signor Charles Phillips era nata da una delle mille coincidenze che ogni giorno sono in atto per le vie di Londra.
Dyson era un letterato, ed un caso infelice di talento male usato. Sebbene avesse doti che avrebbero potuto collocarlo, nel fiore degli anni, tra i romanzieri preferiti di Bentley, aveva scelto di essere eccentrico; conosceva bene, è vero, la logica scolastica, ma non sapeva nulla della logica della vita, e si compiaceva del titolo dell'artista, mentre in realtà era solo uno spettatore ozioso e curioso delle attività altrui. Il Trattato dei Tre Impostori

da I TRE IMPOSTORI di Arthur Machen


lunedì 16 novembre 2015

IL RE E LA QUERCIA

Prima che l'ombra via cacciasse il sole,
Già volavano i nibbi alti nel cielo;
Cavalcava Re Kull per il sentiero
Della foresta, con la spada al fianco;
Soffiava il vento mormorando al mondo:
"Cavalca Kull, cavalca verso il mare".
Poemi Conviviali

da IL CICLO DI KULL DI VALUSIA di Robert Ervin Howard


domenica 15 novembre 2015

UNA SERATA DIFFICILE

Con una strana premura il vecchio amico Gianni Soterini mi ha invitato a pranzo nella sua villa di Bograte, la quale sorge, una ventina di chilometri fuori città, nel cuore del bosco della Slenta, località collinosa, snobistica e isolata.
Come ci arrivo, poco prima delle otto, subito percepisco, dalle facce, dal tono delle voci, che qualche cosa non va per il suo verso. Ascoltalo su SoundCloud

da LE NOTTI DIFFICILI di Dino Buzzati


sabato 14 novembre 2015

L'OSPITE DI DRACULA

Stavo partendo per una gita. Monaco era piena di sole e nell'aria vibrava quell'esultanza tipica dei primi giorni dell'estate. La carrozza si era già avviata quando Herr Dellbrück, il proprietario della locanda delle Quattro Stagioni dove avevo preso alloggio, accorse per augurarmi una buona passeggiata; prima di togliere la mano dallo sportello si rivolse al cocchiere: -Mi raccomando, fate ritorno prima di sera. Per ora il tempo è bello, però questo vento del nord potrebbe anche portarci un temporale. Ma questi consigli di prudenza sono superflui: sai meglio di me che questa non è la notte più adatta per andarsene a spasso.- Ascoltalo

da L'OSPITE DI DRACULA di Bram Stoker


venerdì 13 novembre 2015

TUTTA LA VERITA'

Questo si poteva dire di Harvey Hannucitt, che era un eccezionale impostore. Quando Harvey smerciava una delle sue auto usate, i suoi raggiri erano coloriti, fantasiosi, e avevano un fascino tutto loro.
Nel mondo delle automobili, di lui si diceva che sapeva vendere qualunque cosa che avesse almeno due ruote, un faro anteriore, un vetro intatto e l'idea di un motore: l'importante era che avesse a disposizione una decina di minuti per andare in buca. La Serie Tv

da AI CONFINI DELLA REALTA' di Rod Serling


giovedì 12 novembre 2015

L'INVINCIBILE

La Pioggia Nera

L'incrociatore di seconda classe Invincibile, la più grande unità in forza alla base della Lyra, stava attraversando il quadrante esterno della costellazione, su traiettoria fotonica. Gli ottantatré uomini dell'equipaggio giacevano addormentati nel tunnel d'ibernazione del ponte centrale. Data la relativa brevità della traversata, invece dell'ibernazione totale si era usato un sonno profondo, in cui la temperatura del corpo non scendeva sotto i dieci gradi. Due Righe su Lem

da L'INVINCIBILE di Stanislaw Lem


mercoledì 11 novembre 2015

PROGRESSIONI

A un recente congresso letterario, venne fatto, per gioco, un esercizio di progressioni: ottenere cioè un risultato narrativo in poche righe sviluppando, appunto in progressione, un motivo a scelta. In una relazione si era sottolineata la tendenza alla prolissità  comune a molta produzione moderna e uno dei congressisti, replicando, aveva invitato i colleghi a dimostrare che la sintesi era ancora disponibile fra i loro strumenti di lavoro; e additava la tecnica della progressione come una delle più utili a raggiungere effetti di concentrazione espressiva, quali del resto si possono ritrovare,  otre che in certe classiche poesie di estrema brevità, in parecchi scrittori occidentali, da Shakespeare a Gioacchino Belli, da Lee Masters a Prévert. Altre Progressioni

da LE NOTTI DIFFICILI di Dino Buzzati


martedì 10 novembre 2015

AVVENTURE DI TRE IMPOSTORI

PREMESSA

-E il signore Joseph Walters resterà qui stanotte,- disse l'uomo dal volto accuratamente rasato al suo compagno, un individuo dall'aspetto non proprio accattivante, che aveva deciso di lasciar fondere i baffi color zenzero con un paio di corte basette.
I due si erano fermati alla porta d'ingresso, e si scambiavano sogghigni maliziosi; e poco dopo una ragazza scese  in fretta le scale e li raggiunse. Un saggio su Arthur Machen

da I TRE IMPOSTORI di Arthur Machen


domenica 8 novembre 2015

I MOSTRI

Cordovir e Hum si fermarono sulla cima rocciosa della montagna per osservare la novità. La considerarono con discreto interesse. Era senza dubbio la cosa più nuova che si fosse vista da un bel po' di tempo.
-Guarda, il sole la fa brillare- disse Hum -Direi che è di metallo.-
-Direi anch'io- assentì Cordovir -Ma cos'è  che la tiene per aria?-
I due scrutarono attentamente la valle in cui si svolgeva la faccenda. Un oggetto appuntito si librava sul suolo, vomitando da una delle estremità una materia che sembrava fuoco. Riti Arborei in Lucania

da MAI TOCCATO DA MANI UMANE di Robert Sheckley


sabato 7 novembre 2015

SAGGIO SULLA DECADENZA DEI COSTUMI

Ormai lo sanno tutti, la documentazione fotografica di Lady Dyane che fa la lotta con i cuscini, si fa ammirare in reggiseno e caracolla sul suo amante, era falsa. Che un giornale della sera inglese si diletti in simili scoop, mi sembra normale; che per avere lo scoop a tutti i costi non si guardi per il sottile e si possa cadere vittima di pataccari, anche questo è nell'ordine  delle cose; che i lettori britannici vadano pazzi per i pettegolezzi sulla famiglia reale è fenomeno antico e fisiologico. La Bustina Oggi

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


L'ALTARE E LO SCORPIONE

" Dio delle tenebre  striscianti, aiutami!"
Un ragazzo slanciato era inginocchiato nell'oscurità, e il suo corpo pallido riluceva come avorio. Il pavimento di marmo polito era freddo, sotto le sue ginocchia, ma il suo cuore era ancora più freddo della pietra.
In alto, confuso con le ombre, si distingueva appena il soffitto di lapislazzuli, sostenuto da pareti di marmo. Davanti al ragazzo risplendeva un altare dorato, sul quale brillava una grande statua di cristallo: era uno scorpione, lavorato con un'abilità che trascendeva la semplice arte. Iconografia Antiebraica

da IL CICLO DI KULL DI VALUSIA di Robert Ervin Howard


mercoledì 4 novembre 2015

IL TRONO DI SPADE volume 2

PROLOGO
La lunga chioma della cometa lacerava l'alba, un rosso squarcio sanguinante sugli aspri artigli di granito della Roccia del Drago, come una ferita del cielo dalle sfumature cremisi e violette.
Maestro Cressen rimase immobile sulla balconata spazzata dal vento su cui davano le sue stanze. Era là che arrivavano i corvi messaggeri, al termine di un lungo volo. I loro escrementi punteggiavano i doccioni alti dodici piedi che torreggiavano ai lati dell'anziano sapiente: rappresentavano un cerbero e un grifone, due dei minacciosi bassorilievi che incombevano a migliaia dalle mura dell'antica fortezza. Continua

da IL TRONO DI SPADE - Il Regno dei Lupi - La Regina dei Draghi di George Raymond Richard Martin


martedì 3 novembre 2015

CLANDESTINO

Arrivai a Masport poche ore dopo l'atterraggio dell'astronave proveniente dalla Terra. A bordo c'erano i trapani a punta di diamante che avevo richiesto da oltre un anno. Volevo solo ritirarli prima che qualcuno se li prendesse. Questo non vuol dire che me li avrebbero rubati. Qui, su Marte, siamo tutti gentiluomini, e scienziati. Ma è difficile ottenere quello che serve, e allora l'approvazione-per-priorità è la maniera in cui gli scienziati gentiluomini rubano ciò di cui hanno bisogno. Libri di Robert Sheckley

da MAI TOCCATO DA MANI UMANE di Robert Sheckley


lunedì 2 novembre 2015

LO ZARATAN

C'è una favola che ha percorso la geografia e le epoche: quella dei naviganti che sbarcano su un'isola senza nome, che subito s'inabissa e li perde, perché è viva. Quest'invenzione figura nel primo viaggio di Sindbad, e nel canto VI dell'Orlando Furioso ("Ch'ella sia una isoletta ci credemo"); nella leggenda irlandese di san Brandano, e nel bestiario greco di Alessandria; nella Storia delle nazioni settentrionali (Roma 1555) del prelato svedese Olao Magno, e in quel passo del primo canto del Paradiso Perduto dove si paragona Satana a una gran balena che dorme sullo spumoso mare norvegese ("Him hap'ly slumbering on the Norwey foam"). Pinocchio e lo Zaratàn

da MANUALE DI ZOOLOGIA FANTASTICA di Jorge Luis Borges


domenica 1 novembre 2015

GLI INVASORI

1. LA VEDETTA

Seduto sui talloni, Adun Batayan aspettava di veder comparire la carovana. Era in cima al promontorio da cui si vedeva tutto il fiume e le terre circostanti; spinta dal vento, l'erba tagliente gli colpiva le caviglie nude. Il giovane avvertiva sulla pelle le lievi punture delle foglie abrasive, ma non altro: benché calzasse soltanto un rozzo paio di sandali di paglia intrecciata, non sentiva le asperità del terreno su cui poggiava i piedi. Una Biografia

da GLI INVASORI di Alun Llewellyn


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...