Cookies Alert



Questo Blog Contiene Cookies anche di terze parti su cui non si ha possibilità di operare. Te lo diciamo solo per romperti i coglioni, tanto l'alternativa sarebbe disdire internet e tornare al 1993.

Sound Of Kostia

Loading...

lunedì 16 ottobre 2017

ALBUM BUZZATI di Lorenzo Viganò

Il 16 ottobre 1906 era un martedì. Il Corriere Della Sera, che allora era formato da otto fogli zeppi di notizie per la maggior parte brevi, senza fotografie né titoli di rilievo, costava cinque centesimi ed era diretto da Luigi Albertini, quel giorno non riportava nulla di eclatante, nulla che sarebbe passato alla storia. Il fondo di prima pagina era dedicato al piano di rinnovamento e potenziamento delle forze armate proposto dal ministro della Guerra, mentre tra le altre notizie spiccavano la soppressione degli ufficiali d'ordinanza, lo scandalo del professore di filosofia che si era abbandonato a dichiarazioni antipatriottiche e antimilitariste durante il Congresso socialista, la visita al Museo egizio di Torino da parte del re arrivato in auto da Racconigi, e la partenza del presidente del Consiglio Giolitti per Cavour. Una Biografia

da ALBUM BUZZATI di Lorenzo Viganò




domenica 15 ottobre 2017

IL LABIRINTO DEGLI SPIRITI di Carlos Ruiz Zafón

1
Quella notte sognai di tornare nel Cimitero dei Libri Dimenticati. Avevo di nuovo dieci anni e mi svegliavo nella mia vecchia stanza avvertendo che la memoria del viso di mia madre mi aveva abbandonato. Nel modo in cui si sanno le cose nei sogni. sapevo che la colpa era mia e soltanto mia perché non meritavo di ricordarlo e perché non ero stato capace di renderle giustizia.
Dopo un po' entrava mio padre, allarmato dalle mie urla di angoscia. Mio padre, che nel sogno era ancora giovane e aveva tutte le risposte del mondo, mi abbracciava per consolarmi. Poi, quando le prime luci dipingevano una Barcellona di vapore, uscivamo. Mio padre, per qualche motivo che non riuscivo a comprendere, mi accompagnava soltanto fino al portone. Lì mi lasciava la mano e mi faceva capire che quello era un viaggio che dovevo intraprendere da solo. Continua

da IL LABIRINTO DEGLI SPIRITI  di Carlos Ruiz Zafón






sabato 7 ottobre 2017

I DUE AUTISTI di Dino Buzzati

A distanza di anni, ancora mi domando che cosa si dicevano i due autisti del furgone scuro mentre trasportavano la mia mamma morta al cimitero lontano. Era un viaggio lungo, di oltre trecento chilometri, e benché l'autostrada fosse sgombra, il nefasto carro procedeva lentamente.
Noi figli seguivamo in macchina ad un centinaio di metri e il tachimetro oscillava sui sessanta-settantacinque, forse era perché quei furgoni sono costruiti per andare lentamente ma io penso che facessero così perché era la regola, quasi che la velocità fosse una irriverenza ai morti, che assurdità, io avrei invece giurato che a mia mamma sarebbe piaciuto correre via a centoventi all'ora, la velocità se non altro l'avrebbe illusa che era il solito spensierato viaggio estivo per raggiungere la nostra casa di Belluno. Continua

da LA BOUTIQUE DEL MISTERO di Dino Buzzati



mercoledì 4 ottobre 2017

LA MALEDIZIONE DI YIG di Howard Phillips Lovecraft

Nel 1925 mi recai nell'Oklahoma, in cerca di tradizioni popolari e di leggende sui serpenti, e ne ritornai con un terrore per questi ultimi che mi perseguiterà per tutto il resto della mia vita. Riconosco che è sciocco, perché esistono spiegazioni naturali per tutto ciò che vidi e udii; mi domina però egualmente. Se non ci fosse stato altro che quella vecchia storia, non sarei rimasto tanto scosso. Il mio lavoro di etnologo specializzato negli indiani d'America mi ha fatto conoscere le leggende più stravaganti, e so anche che i bianchi di animo semplice sono in grado di battere i pellirosse, quando si tratta d'invenzioni fantasiose. Continua

da XINAIAN di Howard Phillips Lovecraft




martedì 3 ottobre 2017

IL TRONO DI SPADE 5° Tempesta Di Spade di George Raymond Richard Martin

PROLOGO

La giornata era grigia, gelida. I cani non riuscivano a fiutare la pista. La grande cagna nera aveva accostato il muso alle orme dell'orso un'unica volta, per poi arretrare di nuovo nel branco, tenendo la coda tra le gambe. I segugi si ammassavano tetramente gli uni contro gli altri sulla riva del fiume, mentre il vento li colpiva con aghi di gelo. Anche Chett lo sentiva pungente nonostante gli strati di lana nera e cuoio trattato. Faceva troppo freddo, sia per gli uomini sia per gli animali. Eppure loro erano là fuori. Continua

da IL TRONO DI SPADE 5° Tempesta Di Spade di George Raymond Richard Martin




lunedì 2 ottobre 2017

IL TRONO DI SPADE 4° La regina Dei Draghi di George Raymond Richard Martin

SANSA

-Più lo fai aspettare, peggio sarà per te- l'avvertì Sandor Clegane. Sansa cercò di affrettarsi. Inutile: le sue dita continuarono a impigliarsi tra nodi e bottoni. Il Mastino parlava sempre in tono rude ma, questa volta, nel modo in cui la stava guardando, c'era qualcosa che la riempiva di terrore. Che Joffrey avesse scoperto del suo incontro segreto con ser Dontos? -No, per pietà...No!- invocò silenziosamente nello spazzolarsi i capelli. Ser Dontos era la sua ultima speranza. - Devo essere graziosa. A joff piace che io sia graziosa. E gli piace che indossi quest'abito, e questo colore.- Si passò le mani sul corpetto, spianandone le grinze. Il tessuto le fasciava stretto il busto.

da IL TRONO DI SPADE - La regina Dei Draghi di George Raymond Richard Martin



sabato 30 settembre 2017

RAGAZZA CHE PRECIPITA di Dino Buzzati

A diciannove anni, Marta si affacciò dalla sommità del grattacielo e, vedendo di sotto la città risplendere nella sera, fu presa dalle vertigini.
Il grattacielo era d’argento, supremo e felice in quella sera bellissima e pura, mentre il vento stirava sottili filamenti di nubi, qua e là, sullo sfondo di un azzurro
assolutamente incredibile. Era infatti l’ora che le città vengono prese dall’ispirazione e chi non è cieco ne resta travolto.
Dall’aereo culmine la ragazza vedeva le strade e le masse dei palazzi contorcersi nel lungo spasimo del tramonto e là dove il bianco delle case finiva,cominciava il blu del mare che visto dall’ alto sembrava in salita. E siccome dall’ oriente avanzavano i velari della notte, la città divenne un dolce abisso brulicante di luci; che palpitava. Continua

da LA BOUTIQUE DEL MISTERO di Dino Buzzati





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...