Cookies Alert



Questo Blog Contiene Cookies anche di terze parti su cui non si ha possibilità di operare. Te lo diciamo solo per romperti i coglioni, tanto l'alternativa sarebbe disdire internet e tornare al 1993.

mercoledì 13 dicembre 2017

I GUARDIANI DEI TESORI di Dino Coltro

Non si sa quanti paesi e contrade d'Italia nascondano un tesoro, tra i ruderi e le rovine di castelli. Folletti, Spiriti e Diavoli ne sono i terribili custodi, protagonisti di anedotti e storie che raccontano le furberie e i tentativi dell'uomo per entrarne in possesso. Il Monaciello

da GNOMI, ANGUANE E BASILISCHI di Dino Coltro.





domenica 10 dicembre 2017

COMPUTERFREAKS di Thomas Amman e Stephan Stahl

da Hacker für Moskau, Amburgo 1989

Hacker, secondo l'enciclopedia Meyer, è la definizione per un freak al computer che, tramite il suo personal computer, trova collegamenti o cerca accessi con le banche dati. Secondo il dizionario Oxford hack significa un bel colpo, un trucco riuscito, o un calcio agli stinchi, però significa anche cavallo da soma, mercenario o scribacchino. In relazione al computer la parola venne usata per la prima volta al Massachussetts Institute of Technology di Boston dove, all'inizio degli anni sessanta, venivano definiti con hackers coloro che, con astute strategie, riuscivano trovare accesso al calcolatore della scuola, riservato ai soli professori e collaboratori universitari. Continua

di Thomas Amman e Stephan Stahl da CYBERPUNK ANTOLOGIA di Autori Vari



sabato 9 dicembre 2017

HOP FROG di Edgar Allan Poe

Non ho conosciuto mai nessuno che più del re fosse portato alla beffa. Pareva non vivesse che per scherzare. Il modo più sicuro per ottenere i suoi favori era di narrare una storia buffa e raccontarla bene. Così avvenne che i suoi sette ministri si distinguevano tutti per i loro talenti di buffone, e non erano da meno del re tanto nell'adiposa corpulenza del fisico quanto nell'attitudine impareggiabile agli scherzi. Se la gente ingrassi con le buffonate, e se nel grasso sia qualcosa che predispone alla buffonata, non sono mai riuscito a determinare; sta di fatto però che un buffone magro è "rara avis in terra". Continua

da RACCONTI DEL TERRORE di Edgar Allan Poe



lunedì 4 dicembre 2017

GIORNALI, SIETE DIVENTATI SCHIAVI DELLA TV di Umberto Eco

Ma allora le donne italiane sono cretine o no? Se qualcuno avesse annunciato due mesi fa che, dopo l'assassinio di Falcone e Borsellino l'opinione colta italiana si sarebbe affannata su questo tema, gli avrebbero dato del burlone di cattivo gusto. Eppure sarà profeta Andrea Barbato: tra poco discuteremo se il cretinismo è di destra o di sinistra. Rischiamo di rimanere esclusi dall'Europa, e ci chiediamo se i cretini sono le donne. Continua

LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco





domenica 3 dicembre 2017

OPERA DI MISERICORDIA di Dino Buzzati

La famiglia che abita sopra di noi ha da qualche anno il vento in poppa. L'automobile si ferma alle nove meno un quarto dinanzi alla porta e vi sale l'ingegnere Olofer con una grossa busta in pelle. La signora Olofer esce due ore più tardi con la figlia Lidia, elegantissima. Il figlio, Tony, ve e viene, ormai è abituato all'estero. Sono felici? Continua

da SIAMO SPIACENTI DI di Dino Buzzati



sabato 2 dicembre 2017

LE UOVA SOTTO CALCE di Francesco Guccini

Un tempo, nei mesi invernali, le galline misteriosamente smettevano di fare le uova.
Era certamente un loro diritto, si riposavano dalle fatiche primaverili ed estive. Ma com'é che oggi le galline sfornano uova tutto l'anno? Hanno sindacati meno efficienti? Sono pagate di più? Il fatto è che adesso le galline non hanno un attimo di sosta e le uova non mancano mai. Continua

da NUOVO DIZIONARIO DELLE COSE PERDUTE di Francesco Guccini








venerdì 1 dicembre 2017

COLUI CHE SUSSURRAVA NELLE TENEBRE di Howard Phillips Lovecraft

1. Tenete ben presente che alla fine non ebbi una vera e propria visione di un qualche orrore. Dire che la causa delle mie deduzioni fu uno sconvolgimento psichico, l'ultimo colpo che mi fece fuggire a precipizio dalla solitaria fattoria degli Akeley, correndo in automobile di notte attraverso le selvagge colline a cupola del Vermont, significava ignorare i semplici fatti della mia esperienza finale. Continua

da XINAIAN di Howard Phillips Lovecraft



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...