Cookies Alert



Questo Blog Contiene Cookies anche di terze parti su cui non si ha possibilità di operare. Te lo diciamo solo per romperti i coglioni, tanto l'alternativa sarebbe disdire internet e tornare al 1993.

Sound Of Kostia

Loading...

sabato 26 aprile 2014

EINSTEIN

Chissà se l'impiegato di terza classe dell'Ufficio Brevetti di Berna Albert Einstein, mentre correva in bicicletta lungo la Kramsgasse verso il suo posto di lavoro, immaginò che pedalando molto più velocemente, avrebbe visto la Zytglogge, la graziosa torre dell'orologio che chiude la strada, incurvarsi verso di lui e perfino cambiare colore, diventando prima verde e poi bli cobalto. Mentre il suo orologio avrebbe iniziato a rallentare. Cose Di Scienza

da EINSTEIN a cura di Roberto Maiocchi


venerdì 25 aprile 2014

NEW JORK, NEW JORK, WHAT A BEAUTYFUL TOWN!

Ci sono molte città straniere che amo molto e in cui sono sempre felice di tornare: per esempio Barcellona o Amsterdam. Ma quando mi chiedono in quale città straniera potrei vivere -intendo vivere per sempre, facendola diventare casa mia- allora la mia scelta di divide, alla pari, tra Parigi e New York. Non solo perché si tratta di due belle città: è che per decidere che una città diventerà il posto in cui morirai, occorre essere sicuro che lì non sarai mai preso dalla nostalgia. VoglioVivereCosì

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


sabato 19 aprile 2014

GLI ESSERI TERMICI

Al visionario e teosofo Rudolf Steiner fu rivelato che il nostro pianeta, prima d'essere la terra che conosciamo, passò per una fase solare, e prima che per una fase saturnina. L'uomo, attualmente, consta di un corpo fisico, di un corpo etereo, di un corpo astrale e di un io; al principio della fase o epoca sartunina era un corpo fisico, unicamente.
L'Ottava Sfera

da MANUALE DI ZOOLOGIA FANTASTICA di Jorge Luis Borges


giovedì 10 aprile 2014

LE ALI NOTTURNE

1.
Solomon Kane si appoggiò al suo bastone stranamente inciso e osservò perplesso e cupo il mistero che giaceva silenzioso di fronte a lui. Kane aveva visto molti villaggi deserti nei mesi trascorsi da quando dalla Costa degli Schiavi si era diretto verso Oriente perdendosi nei labirinti formati dalla giungla e dal fiume, ma mai ne aveva visto uno come quello. I Racconti e il Film

da IL CICLO DI SOLOMON KANE di Robert Ervin Howard


lunedì 7 aprile 2014

LA FENICE CINESE

I libri canonici dei cinesi sogliono deludere, perché mancano di quel patetico a cui noi siamo stati abituati dalla Bibbia. D'un tratto, nel loro ragionevole decorso, un'intimità ci commuove. Questa, per esempio, registrata nel settimo libro degli Analecta Confuciani:

Disse il Maestro ai suoi discepoli:-Come sono caduto in basso! E' molto tempo che non vedo nei miei sogni il principe di Chu.
Secondo Wikipedia

da MANUALE DI ZOOLOGIA FANTASTICA di Jorge Luis Borges


domenica 6 aprile 2014

MODELLO DUE

Il soldato russo scendeva nervosamente per il fianco accidentato della collinetta. Il fucile imbracciato, la faccia come di pietra, si guardava intorno passandosi ogni tanto la lingua sulle labbra secche o due dita guantate dentro il colletto, per asciugarsi il sudore.
Eric si girò verso il caporale Leone. -Lo pigli tu o lo lasci a me?- Regolò il mirino per rimettere la faccia del russo al centro della lente, tagliata dalla croce nera. La Trama

da LE PRESENZE INVISIBILI di Philip Kindred Dick


LA CURA DELL'UVA

Voi adesso vorrete sapere se io faccio la cura dell'uva, come la faccio, quando la faccio e se non la faccio che cura fo. Ebbene, sì, la faccio. E con questo? Faccio anche la cura dei fichi, se volete saperlo. Io bado molto alla salute e non c'è cura che mi lasci sfuggire. Leggila Tutta

da ASPARAGI E IMMORTALITA' DELL'ANIMA di Achille Campanile


giovedì 3 aprile 2014

LE ILLUSIONI DEGLI ALTRI

Quando Richards tornava a casa dell'ufficio aveva la sua piccola routine segreta da seguire, una gradevole serie di azioni che gli davano più soddisfazione delle dieci ore quotidiane all'Istituto di Commercio. Lanciò la valigetta su una sedia, arrotolò le maniche della camicia, prese uno spruzzatore di fertilizzante liquido, e spalancò con un calcio la porta sul retro. La luce del tardo pomeriggio gli colò addosso quando attraversò il terreno umido e nero, fino al centro del giardino. Gli batteva il cuore per l'eccitazione: come andava la pianta? Ritorno Al Fantastico

da LE PRESENZE INVISIBILI di Philip Kindred Dick


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...