Cookies Alert



Questo Blog Contiene Cookies anche di terze parti su cui non si ha possibilità di operare. Te lo diciamo solo per romperti i coglioni, tanto l'alternativa sarebbe disdire internet e tornare al 1993.

Sound Of Kostia

Loading...

giovedì 30 aprile 2015

GIU' NEL CYBERSPAZIO

1- Segugio Veloce

Misero un segugio esplosivo sulle tracce di Turner a Nuova Delhi, sintonizzato sui suoi feronomoni e sul colore dei capelli. Lo raggiunse in una strada chiamata Chandni Choak, e si lanciò verso la sua Bmw noleggiata, fra una selva di gambe nude e brune e ruote di tassì a pedale. Il nucleo era costituito da un chilogrammo di esogene cristallizzato e Tnt in scaglie.
Turner non lo vide arrivare. L'ultima cosa che vide dell'India fu la facciata rosa di un posto che si chiamava Khush-Oil Hotel. Continua

da GIU' NEL CYBERSPAZIO di William Gibson


mercoledì 29 aprile 2015

ATTENZIONE: QUESTA BUSTINA E’ DELIRANTE

A ogni accenno di terrorismo l’opinione pubblica reagisce in modo isterico. Nulla di strano, perché il terrorismo è un nemico strisciante, non si capisce mai quale potrebbe essere il suo prossimo obiettivo, il terrorista potrebbe sederci accanto al ristorante, e pertanto nascono inquietudine e senso di instabilità. Che è poi quello che il terrorista vuole – destabilizzare. Terzomondismo e Luoghi Comuni sull'Immigrazione.

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


martedì 28 aprile 2015

GLI ANTICHI PADRONI

Nell’ora del trionfo, al declinare,
stesa sui corpi sparsi di sua mano,
suicida dea sul proprio strano altare,
giace morta la Morte.
A.C. SWINBURNE

 Tornai lentamente alla vita… lentamente, lentamente. Ero circondato dalla nebbia, e in quella nebbia vidi un teschio… Mi trovavo in una gabbia d’acciaio, come un lupo prigioniero, e le sbarre –lo vedevo- erano troppo robuste anche per la mia forza. La gabbia era inserita in una specie di nicchia nel muro, in una grande camera. La stanza era sotterranea, poiché il pavimento era di lastre di pietra e le pareti e il soffitto erano formati da grandi congegni forse scientifici; altri stavano su un grande tavolo al centro del pavimento. Accanto al tavolo sedeva Kathulos. L'ombelico del Mondo

Da IL CICLO DI FACCIA DI TESCHIO di Robert Ervin Howard


lunedì 27 aprile 2015

PARLA IL NEMICO TI ASCOLTA

Il ministro della Giustizia, Giuliano Vassalli, ha annunciato battaglia contro i giudici troppo loquaci. D’ora in poi, nessuna indulgenza verso chi violerà le regole di comportamento della professione. Parlando alla camera, ha minacciato azione disciplinare contro i magistrati che non rispetteranno il segreto istruttorio o che faranno pubbliche dichiarazioni sui processi cui hanno partecipato. La Sterilizzazione di Un Referendum

da NON SIAMO PIU' POVERA GENTE di Cesare Marchi

 

domenica 26 aprile 2015

IL ROC

Il Roc è un ingrandimento dell'aquila o dell'avvoltoio, e c'è chi ha pensato che un condor, straviato nei mari della Cina o dell'Indostan, lo suggerisse agli arabi. Lane respinge questa congettura e ritiene che si tratti, piuttosto, della specie favolosa di un genere favoloso, o d'un sinonimo arabo del simurg. Uccelli Nel Mito Arabo

da MANUALE DI ZOOLOGIA FANTASTICA di Jorge Luis Borges


mercoledì 22 aprile 2015

L'ALTARE DEL SACRIFICIO

E il lupo accerchiato allor si guardò intorno,
con gli occhi minacciosi, azzurro cupo.
Non ignaro del debito, egli disse:
"Posso ancora causar qualche ferita,
prima che sia il mio turno di morire".
MUNDY

Salii la scala come un lupo famelico. Circa sei metri più sopra c'era una specie di pianerottolo da cui partivano altri corridoi, simili a quello che avevo percorso. Pensai che il sottosuolo di Londra doveva essere pieno di simili passaggi segreti, l'uno sopra l'altro. Poco di sopra del pianerottolo, i gradini si interrompevano davanti a una porta. Esitai, indeciso se bussare o no. Una Bibliografia Italiana

da IL CICLO DI FACCIA DI TESCHIO di Robert Ervin Howard

domenica 19 aprile 2015

ROGER TWO HAWKS

Un anno dopo la fine della guerra, il mio editore mi mandò a Stavanger, in Norvegia, per intervistare Roger Two Hawks. Avevo piena autorità di negoziare un contratto con lui. I termini erano molto favorevoli, specie se si considera la mancanza di strutture tipografiche e di distribuzione in quel periodo postbellico. Avevo chiesto io quell'incarico, dato che avevo sentito parlare così tanto di Roger Two Hawks. Le storie erano, per la maggior parte, incredibili e persino contraddittorie, eppure i miei informatori giuravano che le loro testimonianze erano vere. Ucronia

da ROGER TWO HAWKS di Philip José Farmer


giovedì 16 aprile 2015

LE UOVA FATALI

Il curriculum vitae del professor Pérsikov

La sera del 16 aprile 1928 Vladimir Ipàt'eviĉ Pérsikov, professore di zoologia della IV Università statale e direttore dell'Istituto di Zoologia di Mosca, entrò nel suo studio, nell'Istituto di via Herzen. Accese la sfera opaca sospesa in alto e si guardò intorno.
Come l'inizio della spaventosa catastrofe va fatto risalire appunto a quella disgraziata sera, così proprio il professor Pérsikov deve esserne considerato la causa primaria. Un Estratto

LE UOVA FATALI di Michail Bulgakov


martedì 14 aprile 2015

DI BELLA, LA SCIENZA E LA MAGGIORANZA

Siccome non sono un cancerologo, per quel che ne so la cura Di Bella potrebbe essere giusta o sbagliata. Mi pare ragionevole che, di fronte alla pressione dell'opinione pubblica e di tante persone sofferenti, le autorità competenti invitino gli scienziati a fare una seria sperimentazione che possa risolvere il quesito, perché su cose di tanta gravità vale anche la pena di rimediare su giudizi eventualmente già pronunciati. Leggilo Tutto

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


lunedì 13 aprile 2015

LA FARFALLETTA

L'onorevole Aldo Smith, sottosegretario all'Ordine Pubblico, stava scrivendo con fatica il discorso di risposta all'interpellanza dell'onorevole Fossambra (suo collega di partito!) il quale l'accusava di aver avuto la mano greve nei riguardi dei "Cavalieri Erranti", quando dalle finestre venne un lievissimo fischio. Una  Recensione

da LE NOTTI DIFFICILI di Dino Buzzati


sabato 11 aprile 2015

BOCCHE INUTILI

Si è discusso a lungo: in caso di guerra, chi la dichiarerà? Il presidente della repubblica, il governo, il parlamento? Finalmente, dopo cogitabondi silenzi, è arrivata la risposta: qualora (tocchiamo ferro) scoppiare una guerra, il compito di dichiararla spetterà al governo. Stabilito chi comanderà, non è stato ancora risposto all'altro quesito: chi obbedirà? Guerra Agli Umani (Wu Ming2)


venerdì 10 aprile 2015

L'INFERNO A ROVESCIO

Due esseri umani volteggiavano con il mento appoggiato sulla spalla dell'altro, roteavano attorno a un asse comune e continuavano a capovolgersi, incessantemente.
Attorno a loro (non c'era nè alto nè basso) c'era il nulla. Soltanto l'atmosfera invisibile che li spingeva verso il sole, al centro della sfera. Il sole era oscurato da una nube di polvere. La Trama

da L'INFERNO A ROVESCIO di Philip José Farmer


giovedì 9 aprile 2015

UN RETTILE SOGNATO DA C.S. LEWIS

...Lenta, incerta, con movimenti inumani, una forma umana, rossastra nella vampa, spuntò dall'orificio nella caverna.  Era l'inumano, appunto; trascinando la gamba rotta, e con la mandibila inferiore pendente come quella d'un cadavere si mise in piedi. L'Antispecismo

da MANUALE DI ZOOLOGIA FANTASTICA di Jorge Luis Borges

venerdì 3 aprile 2015

CAPIRE LA CRONOLOGIA

Nelle scorse settimane è ricominciata una polemica che ormai mi pare stagionale: era vero che anche molti esponenti della sinistra del dopoguerra erano stati fascisti? La polemica serebbe in sé sterile, perché la risposta sarebbe semplicemente, sì, e lì la faccenda finisce. Leggilo Tutto

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


giovedì 2 aprile 2015

LA CASA VUOTA

Mentre dall’alto di una cupa torre
nella città, la Morte guarda in basso

Edgar Allan Poe

Hansen era steso sul letto e russava, mentre io camminavo inquieto avanti e indietro. Un altro giorno era passato, e i lampioni brillavano nella nebbia. La loro luce mi faceva un effetto strano. Sembrava investire il mio cervello, come solide onde di energia. La Vita Militare

da IL CICLO DI FACCIA DI TESCHIO di Robert Ervin Howard

mercoledì 1 aprile 2015

HUNGER GAMES IL CANTO DELLA RIVOLTA

Mi guardo le scarpe e osservo il sottile strato di cenere che si deposita sulla pelle logora. Qui è dove c'era il letto che dividevo con mia sorella Prim. Laggiù c'era il tavolo di cucina. I mattoni del camino, crollati in un mucchio carbonizzato, fanno da punto di riferimento per il resto della casa. Come potrei orientarmi altrimenti, in questo mare grigio?
Non rimane quasi nulla del Distretto 12. Un mese fa, le bombe incendiarie di Capitol City hanno distrutto le misere casupole dei minatori di carbone del Giacimento, i negozi della città, persino il Palazzo di Giustizia. Continua

da HUNGER GAMES IL CANTO DELLA RIVOLTA di Suzanne Collins


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...