Cookies Alert



Questo Blog Contiene Cookies anche di terze parti su cui non si ha possibilità di operare. Te lo diciamo solo per romperti i coglioni, tanto l'alternativa sarebbe disdire internet e tornare al 1993.

Sound Of Kostia

Loading...

sabato 31 gennaio 2015

IL FIGLIO DELL'OCEANO

Il mondo sazio dorme presso la compagna,
sul suolo devastato: e magri lupi attendono.
MUNDY

Nell'appartamento di John Gordon, rimasto solo, risi amaramente. Nonostante lo stimolo dell'elisir, la tensione della notte precedente, la mancanza di sonno e il susseguirsi degli eventi facevano sentire il loro peso. La mia mente era un caos vorticoso in cui i volti di Gordon, di Kathulios e di Zuleika ruotavano con sconvolgente rapidità. Bibliografia Italiana

da IL CICLO DI FACCIA DI TESCHIO di Robert Ervin Howard


giovedì 29 gennaio 2015

IL VIAGGIO DI CELESTINO

Atto Primo

La luce cinerea dell'alba, salendo come un incenso dalla terra verso il cielo, schiarisce la facciata della pensione "La Quiete" tra  le montagne. Passa un brivido nel bosco, s'odono piccoli fremiti tra le fronde degli alberi e gli uccellini si mettono a cinguettare.
La pensione, un poco fuori dal paese, sta sulla strada che passa tra le montagne. Continua

da L'INVENTORE DEL CAVALLO di Achille Campanile


mercoledì 28 gennaio 2015

CENERENTOLA

Licia e Micia, gemelle, sette anni, fecero uno scherzo alla sorellastra Cenerentola, che aveva due anni in più. -Perché non vieni anche tu alla festa, Rentolina?- diceva Licia.
-Ma si, perché non vieni anche tu?- diceva Micia.
Licia e Micia erano due creature deliziose, cariche di vitamine e superiorità. Cenerentola era meschina, più piccola di loro, una gambetta intristita da polio, e perciò zoppicava. Leggilo

da LE NOTTI DIFFICILI di Dino Buzzati


martedì 27 gennaio 2015

BRASS E GOLD OVVERO: CAVALLO PAZZO E ZEPPELIN A BEVERLY HILLS

Un uomo che si chiamava Brass, Ottone, viveva a Beverly Hills, nella zona più povera, a sud della ferrovia, lungo il Santa Monica Boulevard. Brass era circondato da Gold, Goldstein, Goldfarb e altri tipi con cognomi che cominciavano per Gold, Oro, e da Silver, Silverstein, Silverberg e Silverfarb, e altri tipi con cognomi che cominciavano per Silver, Argento. Il Sito Ufficiale

da IL MONDO DI PHILIP JOSE' FARMER di Philip José Farmer


lunedì 26 gennaio 2015

L'ODRADEK

Alcuni fanno derivare la parola Odradek dallo slavo, e cercano così di giustificarne la conformazione. Altri la fa derivare dal tedesco, pur ammettendo un'influenza dello slavo. L'incertezza di entrambe  le interpretazioni è la prova migliore che sono errate; e inoltre, nessuna delle due ci permette di dare un senso alla parola.
Naturalmente nessuno perderebbe il tempo in tali studi se un essere che si chiama Odradek non esistesse. Continua


domenica 25 gennaio 2015

RISCHI E OPPORTUNITA' DEL WEB 3.0 e delle tecnologie che lo compongono

Il web è un ambiente
in cui due cose mancano ancora
l'abbraccio e lo spritz
Rudy Bandiera

1.UNA BREVE INTRODUZIONE

Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia
Arthur Charles Clarke

Partiamo da un assioma: il mondo è cambiato di più negli ultimi 20 anni che nei precedenti 100, ma non solo: se prendiamo per vera la suddetta frase, allora dobbiamo considerare che è cambiato molto di più negli ultimi 10 che nei precedenti 50 e ancor più negli ultimi 3 che nei precedenti 10.
Morale: il cambiamento è logaritmico, cioè evolve in maniera esponenziale. Continua

da RISCHI E OPPORTUNITA' DEL WEB 3.0 e delle tecnologie che lo compongono di Rudy Bandiera


sabato 24 gennaio 2015

HAGAKURE di Yamamoto Tsunetomo

CONVERSAZIONE LEGGERA NELL'OSCURITA' DELLA NOTTE

Un samurai del clan  di Nabeshima dovrebbe apprendere la storia e le tradizioni del suo feudo, ma al giorno d'oggi questo viene trascurato. Lo scopo principale di tale studio è quello di comprendere le origini del clan, e di sapere che la sua solidità è stata determinata dalla sofferenza e dalla compassione degli antenati. Continua

da HAGAKURE di Yamamoto Tsunetomo




NOTERELLE SU UNA VACANZA OFF SHORE

Questa estate, per un concorso di noiose circostanze, non ho fatto vere vacanze. Mi scuso per il particolare autobiografico, che non interessa a nessuno, ma debbo mettere in chiaro perché, pur non essendo uomo d'alta finanza, sono capitato a Gran Cayman. Continua

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


venerdì 23 gennaio 2015

RELAZIONE SULLA "GRAND CENTRAL TERMINAL"

Potete immaginare quale fosse il nostro stato d'animo quando atterrammo in questa città e la trovammo completamente distrutta. Per dieci anni abbiamo viaggiato nello spazio, con crescente impazienza e nervosismo, generati dall'ozio forzato; ed ecco che, quando raggiungiamo la terra, troviamo - come voi certo ormai sapete - che ogni forma di vita è estinta su questo pianeta.

di LEO SZILARD da RACCONTI DI FANTASCIENZA SCRITTI DAGLI SCIENZIATI


mercoledì 21 gennaio 2015

IL NESNAS

Tra i mostri della Tentazione figurano i nisnas, che "hanno solamente un occhio, una guancia, una mano, una gamba, mezzo corpo e mezzo cuore".
Un commentatore, Jean-Claude Margolin, scrive che li ha forgiati Flaubert; ma il primo volume delle Mille e una notte di Lane (1839) li attribuisce al commercio degli uomini con i demoni.  La Valenza conoscitiva del Fantastico.

da MANUALE DI ZOOLOGIA FANTASTICA di Jorge Luis Borges


IL PROBLEMA DEL PONTE DELICATO (tra le altre cose)

1.
Il proiettile boero che mi trapassò una coscia nel 1900 mi azzoppò per il resto della mia vita; ma riuscii a sopportarne le conseguenze. Tuttavia, arrivato all'età di sessantun anni, ho scoperto all'improvviso di avere dentro di me un assassino che ha ucciso assai più uomini di quanti ne abbiano mai abbattuti le pallottole. Il dottore, che è mio parente, mi ha dato al massimo sei mesi di vita, e ha ammesso francamente che saranno sei mesi molto dolorosi. Conoscere PJ Farmer

da IL MONDO DI PHILIP JOSE' FARMER di Philip José Farmer


martedì 20 gennaio 2015

L'EREMITA

Nella assolata Tebaide viveva un eremita, di nome Floriano, che di santità non ne aveva mai abbastanza. In fatto di ascetismo, digiuni, frugalità, rinunce e sacrifici fisici era il primo della classe. Si era ridotto a pelle e ossa. Ciononostante aveva semore paura di non essere nella grazia di Dio. Tra l'altro lo angustiava il fatto che, a cinquanta anni suonati, un miracolo che fosse un miracolo non era mai riuscito a combinarlo.

da LE NOTTI DIFFICILI di Dino Buzzati


lunedì 19 gennaio 2015

UN TERRIBILE ESPERIMENTO

Il cortile di una prigione. In fondo, una tenda impedisce di vedere cosa c'è dietro. A sinistra, cartelli: "Stampa", "Autorità", "Scienziati". Guide di feltro, poltrone e piante ornamentali, messe per l'occasione. E' notte e la scena è illuminata da riflettori.
All'aprirsi del sipario, Mattia, un galeotto in abito a strisce, sta ultimando i preparativi, agli ordini di Zorapide, direttore del carcere, e di sua moglie Virginia, che danno istruzioni stando seduti. Una Scheda

da L'INVENTORE DEL CAVALLO di Achille Campanile


sabato 17 gennaio 2015

KATHULOS

Oh, lame immerse nel sangue della vita,
mentre la donna invano urlava!
Oh, giorni antecedenti agli inglesi! Quando
mai quei tempi lontani rivivranno?
MUNDY

Gordon accese un fiammifero e distrattamente lasciò che si spegnesse. La sigaretta turca gli rimase spenta tra le dita.
-E' la conclusione più logica-, stava dicendo. -L'anello debole della nostra catena era rappresentato dalla mancanza di uomini. Ma, accidenti, è impossibile mettere insieme un esercito alle due del mattino, anche con l'aiuto di Scotland Yard. Sono andato a Limehouse, lasciando l'ordine che un certo numero di agenti mi seguisse, non appena li avessero trovati, per circondare la casa. The Cultural Livingroom

giovedì 15 gennaio 2015

IL BUON NOME

Il conte Attilio Fossadoro, di 74 anni, presidente di sezione di Corte d'appello in pensione, signore oltremodo corpulento, una notte si sentì male forse per avere trasmodato nel mangiare e nel bere.
-Mi sento un po' pesante- disse nell'atto di coricarsi.
-Sfido io- fece la moglie Eloisa. -Ci voleva poco a prevederlo. Peggio di un bambino.-
L'emerito magistrato si abbandonò di schianto sul letto, supino, a bocca aperta, e non rispondeva più a nessuno. Leggilo Tutto

da LE NOTTI DIFFICILI di Dino Buzzati


mercoledì 14 gennaio 2015

SIP IL GIOCO DELL'OCA

Rientrato dopo tre settimane di vacanza, ho controllato quante chiamate erano arrivate alla segreteria telefonica durante la mia assenza. Ce n'era solo una. Possibile? Va bene che in agosto nessuno cerca nessuno, e tutta Italia smobilita, ma una sola chiamata nel giro di venti giorni mi sembrava umiliante per il mio orgoglio professionale. Storie Di Povera Gente

da NON SIAMO PIU' POVERA GENTE di Cesare Marchi


ULTIMISSIME DELL'ULTIMISSIMA ORA

Domenica 14 gennaio non ho preso in mano i giornali sino a sera, e ho scorso distrattamente La Repubblica mentre guardavo il telegiornale. Con l'orecchio segui la televisione (tanto sullo schermo c'è sempre uno che parla e lo conosci già) e con l'occhio passi in fretta titoli e articoli (tanto le notizie sono quelle che hai sentito la sera prima al telegiornale). Continua

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


martedì 13 gennaio 2015

IL VULCANO

Prefazione redazionale

Sebbene finora non sia stata pubblicata una biografia di Paul Chapin, milioni di persone conoscono lui e le sue opere. Le notizie più complete sul suo conto figurano in The League of the Frightened Men (La Lega degli Uomini Spaventati), secondo volume della biografia del grande investigatore Nero Wolfe.
Sappiamo che Paul Chapin nacque nel 1891, che ben presto dimostrò di possedere un'intelligenza brillante e un atteggiamento swiftiano nei confronti del mondo, e che restò invalido durante un incidente a Harvard. La Lega degli Uomini Spaventati



I NAGA

I nāga appartengono alla mitologia dell'India. Si tratta di serpenti, ma sogliono assumere forma umana. Arjuna, in uno dei libri del Mahabharata, oppone a Ulupi, figlia di un re nāga, il proprio voto di castità; la fanciulla gli ricorda che è suo dovere soccorrere gl'infelici; e l'eroe le concede una notte.
Il sunto del Mahabharata


lunedì 12 gennaio 2015

CHE VERGOGNA, NON ABBIAMO NEMICI!

Mi è già capitato di raccontare su questa Bustina le mie avventure con i tassisti. Queste avventure sono più interessanti a New York che in qualsiasi altro posto, e per tre motivi. Anzitutto ci sono tassisti di ogni origine, lingua e colore; una targhetta ne riporta il nome, e diventa ogni volta divertente capire se l'autista sia turco, malese, greco, ebreo russo eccetera. Molti di loro sono permanentemente collegati alla "loro" radio, un'emittente che parla nella loro lingua e trasmette le loro canzoni, e talora andare dal Village al Central Park è come fare un viaggio a Katmandu. Continua


domenica 11 gennaio 2015

IL CIECO

Pareva un mendicante che va in cerca
d'una crosta di pane, e d'una birra.
G. K. CHESTERTON

Grigia e fredda, l'alba stava spuntando sul fiume quando entrammo nel bar deserto del Tempio dei Sogni. Gordon interrogò i due uomini che erano di guardia davanti all'edificio quando i loro sventurati compagni erano entrati per esplorare il corridoio sotterraneo. Percy Jackson E Gli Dei Dell'Olimpo

da IL CICLO DI FACCIA DI TESCHIO di Robert Ervin Howard

sabato 10 gennaio 2015

PRIMO CONTATTO

Gordon Carfax gemette.
Si era rizzato a sedere, e tendeva la mano verso Frances.
Ma le tende si schiarivano per la luce dell'alba, e Frances se n'era andata insieme alla notte.
Non c'erano pollai da quelle parti, soltanto cani che abbaiavano, ma era sicuro di aver udito, in quell'istante, il canto di un gallo in lontananza. Aveva letto troppo, si disse più tardi. Lo spettro di Amleto e tutto il resto. Ma era una spiegazione troppo facile, non avrebbe arrestato l'analisi della ragione. Una recensione

da PRIMO CONTATTO di Philip José Farmer


venerdì 9 gennaio 2015

VISITA DI CONDOGLIANZE

La scena rappresenta un salotto durante una visita di condoglianze. Divano al centro. Poltrone e sedie intorno.
All'alzarsi del sipario è seduta sul divano la signora Teresa, padrona di casa e vedova da qualche giorno di Paolo; alla sua destra siede la signora Ridabella sua amica, in visita. Hanno facce di circostanza e appaiono sinceramente addolorate. Continua

da L'INVENTORE DEL CAVALLO di Achille Campanile


giovedì 8 gennaio 2015

LE LUCI PILOTA DELL'APOCALISSE piccolo dramma in un atto

Il sipario si alza a mostrare la stanza dei controlli del Comando della Difesa Occidentale nella zona di San Francisco; il Comando si trova a circa trentacinque metri di profondità nel sottosuolo. Sulla Destra due SERGENTI sono affaccendati intorno alle macchine telescriventi che collegano il Comando con tutte le principali città del mondo.

di Louis N. Ridenour da RACCONTI DI FANTASCIENZA SCRITTI DAGLI SCIENZIATI


mercoledì 7 gennaio 2015

LA REGINA SCALZA

1
Porto di Cadice
7 Gennaio 1748

Quando stava per mettere piede sul molo di Cadice, Caridad ebbe un attimo di esitazione. Si trovava in fondo alla passerella della feluca su cui erano sbarcati dalla Reina, il galeone che aveva scortato i sei mercantili e il loro prezioso carico dall'altra parte dell'oceano. La donna alzò gli occhi al sole invernale che illuminava il porto assolato e chiassoso: uno dei vascelli che aveva navigato con loro dall'Avana stava per essere scaricato.

da LA REGINA SCALZA di Ildefonso Falcones


domenica 4 gennaio 2015

MA DA CHE PARTE STA CORTO MALTESE?

Pare che i giovani di AN abbiano deciso di iscrivere  Corto Maltese tra gli eroi della destra. Apriti cielo. Giù le mani da Corto.
Capisco che molti temano che possa accadere a Pratt quello che era accaduto a Tolkien, subito arruolato per i campi Hobbit, a tal punto che tutti gli altri si vergognavano di leggerlo - ed è un peccato. Ma non preoccupiamoci. L'anarchico coll'orecchino naviga da tanto tempo per tanti mari che nessunò riuscirà a sequestrarlo sulle rive di un lago a Salò. Continua

da LA BUSTINA DI MINERVA di Umberto Eco


sabato 3 gennaio 2015

IL MOSTRO ACHERONTE

Un solo uomo, una sola volta, vide il mostro Acheronte; il fatto si verificò nel secolo XII, nella città di Cork. Il testo originale della storia, scritto in irlandese, è andato perduto; ma un monaco benedettino di Regensburg (Ratisbona) lo tradusse in latino, e grazie a questa traduzione il ragguaglio passò in diversi idiomi, tra cui lo svedese e lo spagnolo. Continua

da MANUALE DI ZOOLOGIA FANTASTICA di Jorge Luis Borges


venerdì 2 gennaio 2015

UNA LACRIMA SUL VISO

In un'indagine demoscopica condotta fra le varie nazionalità per sondare la loro propensione al pianto, gl'italiani sono risultati primi assoluti, seguiti da spagnoli, ungheresi, olandesi e francesi. I più resistenti alla tentazione delle lacrime pare siano gli inglesi, che non piangono neanche quando gli muore un parente (a meno che non sia il cavallo) e i duri tedeschi. Prima delle indagini Demoscopiche

da NON SIAMO PIU' POVERA GENTE di Cesare Marchi


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...