Cookies Alert



Questo Blog Contiene Cookies anche di terze parti su cui non si ha possibilità di operare. Te lo diciamo solo per romperti i coglioni, tanto l'alternativa sarebbe disdire internet e tornare al 1993.

martedì 28 aprile 2015

GLI ANTICHI PADRONI

Nell’ora del trionfo, al declinare,
stesa sui corpi sparsi di sua mano,
suicida dea sul proprio strano altare,
giace morta la Morte.
A.C. SWINBURNE

 Tornai lentamente alla vita… lentamente, lentamente. Ero circondato dalla nebbia, e in quella nebbia vidi un teschio… Mi trovavo in una gabbia d’acciaio, come un lupo prigioniero, e le sbarre –lo vedevo- erano troppo robuste anche per la mia forza. La gabbia era inserita in una specie di nicchia nel muro, in una grande camera. La stanza era sotterranea, poiché il pavimento era di lastre di pietra e le pareti e il soffitto erano formati da grandi congegni forse scientifici; altri stavano su un grande tavolo al centro del pavimento. Accanto al tavolo sedeva Kathulos. L'ombelico del Mondo

Da IL CICLO DI FACCIA DI TESCHIO di Robert Ervin Howard


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...